Golfo di Orosei

Orosei, si trova a 90 Km a sud di Olbia, si tratta di una città vera ed autentica, antico capoluogo della Baronia meridionale. La sua storia millenaria è raccontata dalle numerosissime testimonianze storico-architettoniche. Interessantissime alcune chiese, tra cui il complesso di Sant’Antonio Abate, circondato da numerose casette, dette Cumbesias, antichi rifugi per i pellegrini, che vi si recavano nel giorno della festa, al centro il grandioso mastio a forma quadrata. Imprescindibile è il Parco Letterario, dedicato alla nota scrittrice Grazia Deledda, che ambientò il suo romanzo “Canne al vento”, nel paese di Galtellì, a pochi chilometri da Orosei. Nei dintorni vi  sono importanti insediamenti nuragici , a Serra Orrios, S’ena e a Thomes. Nel Medioevo, Orosei svolse un ruolo molto importante, testimoniato dalla presenza di un castello, nelle lotte tra i Visconti di Milano e gli Aragonesi, che ne rimasero i padroni.

  • Caratteristiche delle spiagge e del territorio.

Il Golfo di Orosei  fa parte di un Parco Nazionale, Parco Nazionale del Golfo di Orosei e del Gennargentu, istituito nel 1998, questo si estende su un territorio piuttosto vasto, con foreste straordinarie, dorsali montane e una costa meravigliosa, punteggiata da oleandri e arbusti tipici della macchia mediterranea, qua è là, si scorgono piccoli paesi ricchi di storia e tradizione. La cittadina di Orosei, sorge in una piana fertile, dove sfocia il fiume Cedrino, qui iniziano le lunghe spiagge di Su Barone e Sa Marina, poi troviamo Avalè , Cala Osalla e Cala Cartoe. In un attimo ci troviamo nel cuore della Barbagia, di cui Nuoro è il capoluogo, terra di autentica tradizione e cultura sarda, ancora oggi preservata, soprattutto nell’incontaminata zona del Gennargentu. Tra le spiagge più belle, non solo della Sardegna, troviamo Cala Luna, una spiaggia che ha la particolarità di  essere incastonata tra il mare e un fiume e impreziosita da un boschetto di oleandri rosa, nota per essere stata il set di un famosissimo film di Lina Wertmuller: Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto, con Mariangela Melato e Giancarlo Giannini.

  • Intrattenimento notturno e divertimento

Il Golfo di Orosei, anche detto costa degli Oleandri, ha una vita notturna, spalmata sulle sue marine più attrezzate: Cala Liberotto e Cala Ginepro, verso il centro storico è più facile trovare bar e pub, mentre raggiungendo la Marina si incontrano locali dove la musica la fa da padrona, qui infatti fino all’alba è possibile essere accompagnati da musica da ballo. Molto frequentata è san Teodoro, sia dai giovani del posto sia dai turisti, che desiderano provare e conoscere locali nuovi, una buona movida si può trovare a Cala Gonone.

  • Cibo e prodotti tipici

La cucina della Barbagia è costituita da prodotti semplici e di grande qualità, primeggiano i prodotti della terra e del pascolo, di cui gli abitanti sono maestri. Tra i piatti tipici troviamo le carni: vitello, agnello, capretto, montone, Su Tattalliu. Quest’ultimo è un particolare spiedino fatto di cuore, fegato, polmone, con pezzi di lardo per insaporire, il tutto avvolto con le frattaglie dell’agnello. Il re indiscusso dell’arrosto sardo è il porcetto, debitamente cotto allo spiedo. Tra i primi vi sono minestre e paste ripiene e il famoso piatto cucinato con il pane carasau, imperdibile la minestra con la pecora bollita e la favata. Altro alimento che non manca sulla tavola della zona è il formaggio, nel dolce e nel salato, per quanto riguarda il pesce lo troviamo solo nei locali, soprattutto turistici, sul mare. Il vino per eccellenza è il Cannonau, anche nella versione dell’Oliena, il Nepente. Come dolci potremmo degustare torroni e biscotti all’uovo, oltre al famoso Pistiddu e alle Seadas.
Nella zona di Orosei, si trovano oggetti di falegnameria di ottima fattura, così come per quanto riguarda la pelletteria, si lavora anche il rame per la realizzazione di pentole e tegami. Anche qui, come in molte altre zone della Sardegna si lavora la filigrana d’oro, ottenendo pregevoli gioielli.

  • Dove alloggiare per rimanere in zona

Il Golfo di Orosei offre molte soluzioni per alloggiare comodamente e soddisfacendo tutte le tasche, infatti si potranno trovare hotel e villaggi a 5 stelle, così come B&B e agriturismi, dove l’ospitalità sarà più modesta ma autentica. Non mancano sul territorio numerose case ed alloggi da affittare per il periodo di vacanza.

  • Come Raggiungere (in auto, Nave, Aereo)

Data la vicinanza con la città di Olbia, circa 90 Km, il più vicino porto per lo sbarco dei traghetti dalla terraferma è proprio Olbia, così pure per quanto riguarda l’aeroporto. Da qui con l’auto o con i mezzi pubblici, lungo la costa orientale si raggiungo, procedendo verso sud,  le località desiderate.

  • Come spostarsi  in zona (in auto, fuoristrada,, scooter, quad, barca in base alle caratteristiche del tour)

Come in tutto il resto della Sardegna, i mezzi pubblici sono ben presenti e il servizio è buono, certamente con un mezzo proprio, che può essere un’auto, una moto oppure un quad, la possibilità di visitare zone più nascoste e segrete è notevolmente maggiore. Alcune spiagge, poi, sono raggiungibili solo via mare, per questo motivo si possono noleggiare barche e gommoni, anche se sono presenti molte ditte che organizzano piccole  crociere tour delle spiagge più famose.

 

LE PIÙ BELLE SPIAGGE DELLA SARDEGNA ZONA GOLFO DI OROSEI